Foto di Davide Pedriali

Non abbiamo sempre voglia di parlare e non riusciamo sempre a cavarcela con le parole. Per questo lasciamo che sia la musica a farlo per noi. Abbiamo chiesto ai musicisti di Ferrara di parlarci delle loro canzoni preferite. Oggi tocca alla nostra Sara Ardizzoni, in arte Dagger Moth. Proprio a dicembre ha terminato le registrazioni del nuovo album, a più di due anni di distanza dal primo, dopo mesi di brainstorming solitario tra chitarre, voci, elettronica e suoni più o meno disturbati. Due anime simili l’hanno assistita in studio: Franco Naddei (già impegnato sotto pseudonimo come Francobeat ma anche con Santo Barbaro e John de Leo) e Antonio Gramentieri (Sacri Cuori), nella profonda campagna forlivese, nello studio di Franc, il Cosabeat Studio di Villafranca. «Ho avuto il grande onore e piacere di avere Marc Ribot ospite su un brano, per me un sogno che si realizza» dice Sara «Al momento non so ancora quando e come uscirà questo nuovo lavoro e penso mi prenderò un po’ di tempo per sondare alcune realtà. Nella peggiore delle ipotesi mi dedicherò assiduamente al d.i.y (do it yourself, ndr) come ho sempre fatto».

1. Il Mucchio Selvaggio ha definito DIE di Iosonouncane il disco italiano del 2015. E tu che animale sei?
Il gatto nel video “Triumph of a heart” di Bjork.

2. I cinque dischi fondamentali per salvare l’umanità
E’ sempre difficile per me stilare classifiche, anzi quasi impossibile. Ad ogni modo, per riportare un po’ di bellezza e intelligenza in giro direi: Jeff Buckley “Grace”, Marc Ribot “Plays Solo Guitar Works of Frantz Casseus”, Fugazi “End Hits”, Frank Zappa “Have I offended someone?”, John Coltrane “A love supreme”.

3. Il pezzo da ascoltare mentre prepari una carbonara
Pantera “Walk”.

4. La canzone che canti di nascosto perché te ne vergogni
Ahah… Sinceramente non mi vergogno di nessuna fra quelle che posso canticchiare, al limite le canto di nascosto perché con la voce bassa che mi ritrovo a certi acuti non potrei mai ambire, una per tutte “Girls Just Want to Have Fun ” nella versione di Cindy Lauper.

5. La canzone per il tuo funerale
Uh, questa è difficile. Penso che la mia scelta potrebbe variare di giorno in giorno a seconda dell’umore. Oggi seguirei l’esempio di John Peel e sceglierei “Teenage kicks” degli Undertones.” Teenage dreams so hard to beat…

6. La tua band preferita da adolescente
Tantissime, diversissime. Una per tutte: Suede.

7. La canzone giusta per addormentarsi
“Hearsay please” dei Cocteau Twins o “Halfway to a threeway” di Jim o’ Rourke.

8. La voce più sexy
Tra gli uomini Dave Gahan, tra le donne Beth Gibbons

9. La canzone per dire “Grazie per avermi lasciato”
Un grande classico, Adius di Piero Ciampi:”Perché io sono bello, sono bellissimo…e dove vai?”

10. Il pezzo che ti carica di adrenalina anche in attesa di una colonscopia
“Tired of waiting” dei NoMeansNo!

Lascia un commento

Prima di lasciare il tuo commento, ricordati di respirare. Non saranno ospitati negli spazi di discussione termini che non seguano le norme di rispetto e buona educazione. Post con contenuti violenti, scurrili o aggressivi non verranno pubblicati: in fondo, basta un pizzico di buon senso. Grazie.