Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Piazza Municipale (Ferrara) · 23 gennaio 2016 · ore 16.00

Manifestazione “È ora di essere civili”

Dove

Piazza Municipale (Ferrara)
Piazza del municipio, Ferrara

Quando

da 23 gennaio 2016 · ore 16.00

In vista della discussione al Senato del ddl sulle unioni civili, le associazioni lgbt italiane (Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, Mit) con il sostegno a livello nazionale di tante associazioni fra cui CGIL, UIL, Amnesty Internartional, ARCI, UAAR, Coordinamento Genitori Democratici, Rete studenti medi, Unione degli Universitari, Legambiente e di tutte le persone che vorranno unirsi a loro, si preparano a esprimere a gran voce la domanda di diritti e di uguaglianza che in questo Paese da troppo tempo rimane inascoltata. Probabilmente un primo passo sta per essere fatto ma è lecito non farsi illusioni: troppe sono le pressioni di chi fa prevalere l’ideologia sulla ragione e priva così le persone omosessuali e i loro figli di diritti e tutele.

C’è bisogno del tuo sostegno!

Non parleremo “solo” di una legge, bensì di un valore, cioè dell’uguaglianza di tutti e tutte, e del diritto di vivere in uno Stato laico. Staremo assieme alle famiglie, a tutte le famiglie, rivolgendo queste parole non solo al Governo e al Parlamento, ma a tutti i cittadini italiani: 

“L’Italia è uno dei pochi paesi europei che non prevede nessun riconoscimento giuridico per le coppie dello stesso sesso. Le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali non godono delle stesse opportunità degli altri cittadini italiani pur pagando le tasse come tutti. Una discriminazione insopportabile, priva di giustificazioni.

Il desiderio di ogni genitore è che i propri figli possano crescere in un Paese in cui tutti abbiano gli stessi diritti e i medesimi doveri.

Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese.

La reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o di intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti, la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti del nucleo familiare, il pieno riconoscimento dei diritti per i bambini figli di due mamme o di due papà, sono solo alcuni dei diritti attualmente negati.

Questioni semplici e pratiche che incidono sulla vita di milioni di persone. Noi siamo sicuri di una cosa: gli italiani e le italiane vogliono l’uguaglianza di tutte e di tutti.”

 

Ti aspettiamo SABATO 23 GENNAIO ALLE ORE 16.00 in Piazza del Municipio!

Porta una sveglia, un orologio da tavolo o da parete da far squillare!

Porta qualcuno con te per far risuonare più forte l’ora dei diritti!

E’ giunta l’ora. Non mancare.