Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Porta degli Angeli · 12 aprile 2017 · ore 18.00

ALGORITHMIC

Dove

Porta degli Angeli
Corso Ercole I d'Este, Ferrara

Quando

da 12 aprile 2017 · ore 18.00

Info

Organizzatore:
GATE Porta

Prosegue alla Porta degli Angeli la rassegna d’arte e musica contemporanea Algorithmic, diretta artisticamente da Andrea Amaducci, che ospita per i mesi di aprile e maggio numerosi eventi. Questi gli appuntamenti di rilievo di questa settimana (10-16 aprile).

Mercoledì 12 Aprile dalle ore 18 live set a cura di Eva de Adamo&Circomassimo Arcigay Arcilesbica Ferrara.

           Eva De Adamo si occupa di suono/rumore da 35 anni. Pioniera nell’uso dei sintetizzatori analogici, trova il proprio e definitivo strumento nel ’94, acquistando un campionatore Akai S950. Grazie campionatore, strumento dalle potenziali infinite, Eva è in grado di concretizzare il sogno del Futurista Luigi Russolo, che nel 1913 pubblicò il manifesto l’Arte dei Rumori. Ispirata a questo fondamentale testo per la musica, Eva raccoglie fonografie dal mondo reale e li rielabora al computer. Numerosi i progetti in cui collabora, il più proficuo dei quali con Antonella Bukovaz, poeta italo/slovena. Nel 2004 fonda la NetLabel ozky e-sound.

La Porta è aperta tutti i giorni dalle 16.00 alle 20.00. Ingresso gratuito.

Algorithmic” è un progetto espositivo/performativo/installativo del performer e artista visivo Andrea Amaducci negli ambienti storici della Porta degli Angeli di Ferrara, all’interno del macro-progetto Gate|Porta, sostenuto dall’Associazione Culturale Evart che ha in concessione lo spazio dal Comune di Ferrara.
Ricreando simbolicamente lo studio dell’artista nello spazio della torretta, Amaducci parte dall’idea di avvicinare e fare convivere diversi tipi di pubblico (diversi in termini generazionali, sociali, di costume ed etnici) e dimostrare attraverso una serie di mostre/eventi/concerti/talks, curati e tenuti da professionisti del settore delle arti e da artisti/performer/musicisti incontrati dall’artista lungo il suo percorso professionale, l’urgenza, la mutevolezza e la dinamica di quello che può essere considerato oggi “un contenitore di contenuti”.