Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Teatro Julio Cortazar · 4 marzo 2016 · ore 21.00

STRUMENTI PER IL TEATRO – ODIO IL MORO per LUMINISTICA TEATRALE

Dove

Teatro Julio Cortazar
Via Ricostruzione, 40/61, Pontelagoscuro

Quando

da 4 marzo 2016 · ore 21.00

Info


Ingresso: 6 €

Nell’ambito di “Dal testo alla luce”, workshop di luministica teatrale condotto da Franco Campioni, docente e fondatore dell’Accademia Internazionale della Luce, dal 2015 con sede operativa al Teatro di Pontelagoscuro, va in scena alle “Odio il Moro” spettacolo di Teatro Nexus, compagnia rodigina che ha svolto presso il Teatro “Julio Cortàzar” quattro giornate intensive di residenza artistica.
Gli allievi di Franco Campioni avranno l’opportunità di lavorare sul piano luci studiato dal docente per la riedizione dello spettacolo, di fare proposte alternative e dare una visione critica del piano studiato dal luminista in accordo con la regista dello spettacolo.
“Odio il Moro” è uno spettacolo che parla della follia dei sentimenti, dell’incapacità di viverli pienamente senza farsene travolgere, parla dell’invidia che l’amore puro genera nei cuori aridi, della disapprovazione che suscita perché è incomprensibile come due persone così diverse possano amarsi e comprendersi. Parla di odio e di rassegnazione, di orgoglio e di indignazione. Parla di uomini e di donne che cercano una strada comune, senza incrociarla mai.
Da questa base che nel 2013, anno del debutto, rappresentava l’urgenza per la regista e gli attori, è partito il lavoro portato in residenza artistica, mettendo in discussione gli assoluti di Shakespeare e portandoli il più possibile vicini alla nostra epoca. Così la vicenda d’amore nata tra le calli veneziane, diventa un pettegolezzo da bar, perde il suo senso sacro e viene sgualcita dalle voci che si intromettono nella storia, una su tutte quella di Iago, burattinaio neanche tanto occulto in questa tragedia insensata. Iago è solo una voce che parla a tutti i testimoni della storia, oltre che ai protagonisti. È un pensiero ricorrente che mina le certezze, distrugge ogni convinzione e ne crea di nuove, un opinionista occulto e subdolo che parla dalla tv, dalla radio, dai social network e dalla carta stampata e crea reazioni incomprensibili generando continuamente sconfitti, modifica le opinioni e le squalifica. Nel testo di Shakespeare ciò che viene distrutto o impedito è ogni sentimento d’amore. Ed è su questo che durante la residenza abbiamo finito col confrontarci.
Lo spettacolo, tratto da “Otello” di W. Shakespeare e da “Precise Parole” di Lella Costa, è dedicato ai maestri del Teatro Nucleo, di cui la regista Barbara Chinaglia è stata allieva, un’occasione quindi unica quella di poterlo mettere in scena proprio al Teatro sede delle attività dello storico gruppo.

la foto di scena è di Sara Bacchiega

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!