Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
CTU – Centro Teatro Universitario · 7 luglio 2014 · ore 21.30

Storie sparpagliate

Dove

CTU – Centro Teatro Universitario
Via Savonarola 19, Ferrara

Quando

da 7 luglio 2014 · ore 21.30

Lunedì 7 Luglio, alle ore 21.30 (ingresso su prenotazione: 328 8120452), si conclude il laboratorio teatrale “linguaggi del teatro e dell’attore” 2013 – 2014, del Centro Teatro Universitario di Ferrara, con la presentazione dello studio teatrale “storie sparpagliate” diretto da Michalis Traitsis di Balamòs Teatro e conduttore del laboratorio.
In scena gli allievi del laboratorio teatrale del Centro Teatro Universitario di Ferrara, Giulia Aguzzoni, Alessia Beccari, Daniele Bolognesi, Giuliana Bolognesi, Martina Cuono, Roberto Gamberoni, Tania Notte, Roberta Pira, Giulia Tiozzo, Flavia Tisato e le voci delle detenute della Casa di Reclusione Femminile di Giudecca.
Tra le detenute e gli allievi del Centro Teatro Universitario, Mercoledì 2 Luglio c’è stato un incontro di laboratorio, una sorta di scambio, baratto, tra il lavoro su “storie sparpagliate” e il lavoro su “Cantica delle donne” che è stato allestito con le detenute lo scorso Marzo alla Casa di Reclusione Femminile della Giudecca, . Da questo incontro sono stati registrati alcuni testi dalle donne detenute che fanno parte dello spettacolo “storie sparpagliate”.

“Nulla ci riduce a sogni senza sogni…”

E’ la battuta iniziale che da origine a visioni e frammenti che si collocano in una linea di confine tra la realtà e l’onirico, in un avvicendarsi di generazioni cosi diverse eppure cosi accomunate da speranze e spogliazione di ogni speranza, in un paese che a tratti sembra non avere scampo. E’ una figura nera che la mormora e che da altri viene chiamato Maestro. Poco importa se sia un maestro di rivoluzioni o di fallimenti, di verità o finzioni. Quello che lascia passando e dileguandosi velocemente è un intangibile quaderno di memorie, di appunti sparsi che apparentemente non hanno connessione tra di loro ma che hanno intimamente a che fare con il dipanarsi degli anni, attraverso immagini, canzoni, poesie, personaggi che hanno lasciato orme e determinato scelte e fughe.

Ci sono frammenti di vita quotidiana, il mercato dei ricordi che rappresenta un crocevia di storie passate e di relazioni vissute, feste gioiose sotto la luna estiva, la ricerca di una luce come una direzione, un cabaret, parodia di un Italia sbandata, la storia di Salvatore Carnevale, un sindacalista difensore del diritto alla terra, che sulla terra viene giustiziato e lasciato morire, il pupo che rivendica un briciolo di libertà dal suo puparo, il puparo che non abdica al suo potere e che sembra alludere al lavoro di uomini, spesso stranieri, trattati come proprietà, due misteriosi elfi che prendono in giro se stessi e il mondo intero, apostrofando la generazione di un non meglio definito oggi come generazione sfortunata, e sembrano sollecitare a non trascurare l’ironia come possibilità di affron tare ogni bufera, la vicenda di Sacco e Vanzetti, ad ammonire che le ingiustizie non hanno tempo.

Il finale tratto dalle Città Invisibili, sigilla l’ultima pagina dell’ipotetico quaderno di appunti, una riflessione amara su questo tempo tetro e aggrovigliato, dove parlare di inferno non è purtroppo né eccessivo, né retorico, ma dove l’unica ancora della vita è esercitare la paziente ricerca di valorizzare quello che si ha.

Le voci registrate delle detenute della Casa di Reclusione Femminile di Giudecca rievocano pensieri e riflessioni da Pier Paolo Pasolini a Italo Calvino, su un Italia che fatica a ritrovarsi.

contatto: info@balamosteatro.org

unnamed

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!