Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Castello Estense · 26 gennaio 2015 · ore 17.00

Sklavin – storia di un deportato

Dove

Castello Estense

Quando

da 26 gennaio 2015 · ore 17.00

LUNEDI 26 GENNAIO ORE 17.00
SALA ALFONSO I D’ESTE, CASTELLO ESTENSE

regia e testi: Alessia Passarelli
musiche: Gianluca Fortini, Giovanni Tufano
con: Gianluca Fortini, Giovanni Tufano, Alessia Passarelli

liberamente tratto da:
SKLAVIN- storia di un deportato nei campi di lavoro- di Daniele Civolani e Ferruccio Mazza

Quella di Ferruccio Mazza è la storia semplice di una persona semplice.
La storia di un giovane che aveva un grande sogno: la ginnastica artistica.
La bravura e l’enorme passione per questa disciplina gli permisero di trascendere la sua condizione sociale, di provare l’emozione profonda delle vittorie e dei
riconoscimenti, di arrivare fino ai campionati italiani e di aspirare alle olimpiadi.
Poi, su tutto, arrivarono la Seconda Guerra Mondiale e la deportazione nei campi di lavoro.
Il suo sogno fu interrotto, il suo fisico, pur temprato, arrivò quasi a soccombere per le violenze, i patimenti, le umiliazioni subite e la fame. Sopra ogni cosa la fame.
A farlo miracolosamente sopravvivere fu l’amore per la vita e per i suoi affetti, verso cui, nemmeno nei momenti più terribili, perse mai il desiderio di tornare.
Lo spettacolo, tramite le parole delicate e asciutte di Ferruccio, vuole riportare tutta l’umanità del racconto di chi, pur nel sopruso e nell’infinito dolore, non ha mai
provato odio o rabbia verso chi lo ha rinchiuso e ferito, verso chi gli ha rubato il suo sogno.
La storia dolce e drammatica di Ferruccio, narrando la vita di una persona umile e semplice, lega alla vicenda collettiva dell’olocausto, la testimonianza di una delle
infinite storie personali, una vicenda umana che ricordi a chi l’ascolta quanto sangue e sofferenza costa ogni guerra.
La musica, tramite un’accurata ricerca storiografica, accompagna e sostiene il racconto, lo contestualizza, lo mette in relazione con le suggestioni di un intero
periodo storico, integra la parte recitata verso una tensione narrativa che non faccia dimenticare, che faccia riflettere.

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!