Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Centro Sociale La Resistenza Ferrara · 10 giugno 2016 · ore 19.00

Resistenze in Cirenaica con Wu Ming, Kai Zen e altri

Dove

Centro Sociale La Resistenza Ferrara
via della Resistenza 32-34, Ferrara

Quando

da 10 giugno 2016 · ore 19.00

Info

Organizzatore:
Centro Sociale La Resistenza Ferrara

PROGRAMMA:
Ore 19: Presentazione del libro con gli autori
Ore 20.30: Cena sociale con grigliata e menù vegan
Ore 21: Reading con le voci narranti di Wu Ming, Kai Zen, Valerio Monteventi, Mara Menna, Claudia Grazioli. Musiche di Bhutan Clan.

DESCRIZIONE
https://www.facebook.com/Resistenze-in-Cirenaica-1638918316361318/photos?ref=page_internal

Dallo scorso anno, nel rione Cirenaica di Bologna, ha preso corpo un cantiere culturale permanente sulle resistenze di ieri e di oggi. Fanno parte della variegata brigata due collettivi di scrittori (Wu Ming e Kai Zen), il centro sociale VAG61, l’Associazione Spazi Aperti, i musicisti di Bhutan Clan, gli attori della Compagnia Fantasma e poi ancora mediattivisti, videomaker, fotografi, registi, cuochi solidali e varie umanità.
Resistenze in Cirenaica, prendendo spunto dai doppi nomi delle vie del rione e facendone occasione narrativa, ha organizzato trekking urbani, concerti, reading, presentazioni di libri, presidii e azioni di guerriglia culturale. Il “collettivo dei collettivi” racconta guerre di ieri, sempre con un occhio attento alle guerre di oggi.
Resistenze in Cirenaica è nata dalla battaglia di alcune cittadine e cittadini per avere un giardino pubblico in via Barontini. Oggi quel giardino esiste ed è intitolato al ferroviere anarchico Lorenzo Giusti.
A Bologna La Cirenaica fu costruita nel 1913, poco dopo laggressione italiana alla Libia. I nomi delle vie celebravano le terre appena conquistate: via Tripoli, via Derna, via Bengasi… Nel 1949 i nomi coloniali delle vie furono sostituiti da nomi di caduti partigiani, soprattutto della brigata Stella Rossa.
È successo solo a Bologna. Nelle altre città italiane i nomi coloniali perdurano indisturbati.

(Ingresso gratuito con tessera Ancescao).