Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Biblioteca Ariostea · 12 maggio 2015 · ore 17.00

Ossi di seppia

Dove

Biblioteca Ariostea
Via Scienze, 17, Ferrara

Quando

da 12 maggio 2015 · ore 17.00

OSSI DI SEPPIA
Nel novantesimo della pubblicazione dell’opera in versi di Eugenio Montale

Conferenza di Gianni Venturi e Fiorenzo Baratelli
“Ossi di seppia” è opera sulla cui nascita non esistono documenti formali e testimonianze dirette da parte di Eugenio Montale. Il tempo ne farà uno dei libri più importanti della poesia italiana (ma non solo) e del ventesimo secolo. La prima raccolta viene pubblicata nel 1925 a Torino per le edizioni curate da Piero Gobetti di
“Rivoluzione liberale”, uno scarno libretto scelto dalle numerose pubblicazioni antecedenti questa data che pur tuttavia non ha la stessa coerenza da “canzoniere” delle opere posteriori. Ma gli “Ossi” rimarranno nella cultura europea, anche rispetto alle opere della maturità, come “Le occasioni” o “La bufera”, per citare gli esempi
sommi della sua poesia, il suo libro più amato e nuovo nel panorama della cultura e della poesia italiane. Paesaggio come “correlativo oggettivo” di una vicenda tutta personale, straordinaria capacità di “sentire” le voci nuove della poesia e della pittura (non si dimentichi che l’incontro fondamentale con de Pisis avviene attorno al 1920,
anno a cui datano gli inizi della prima sezione degli “Ossi”). La stessa lezione e volontà di scarnificare un lessico che si fa “scabro ed essenziale” prende le mosse da una attenzione acutissima alla lezione dell’immaginifico D’Annunzio ma anche da Pascoli di cui coglie le prime caratteristiche della modernità. La stessa pubblicazione
molto ci dice sul clima culturale a cui Montale aderisce e si pensi alla fondamentale ripercussione nella sua Liguria della grande opera promossa a Torino da una rivista come “Rivoluzione liberale” fondata da Gobetti nel 1922 che lo invita a pubblicare per quelle edizioni. La proposta che i due relatori vogliono formalizzare è non solo quella di riproporre storicamente il clima in cui si forma e nasce la poesia di “Ossi di seppia” ma spingere di nuovo alla lettura di un testo a entrambi carissimo in grado di riservare a chi si accinge a leggerlo per la prima volta, il privilegio di una affascinante iniziazione a uno dei libri più belli della nostra tradizione letteraria.
A cura dell’Istituto Gramsci e Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!