Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Libreria Ibs+Libraccio · 20 aprile 2016 · ore 17.30

Incontro con l’autore: Paolo Di Paolo

Una storia quasi solo d'amore_Paolo Di Paolo

Dove

Libreria Ibs+Libraccio
piazza Trento e Trieste, Ferrara

Quando

da 20 aprile 2016 · ore 17.30

Mercoledì 20 aprile

Ore 17:30
In collaborazione con Istituto Gramsci e Istituto di Storia Contemporanea
Paolo Di Paolo presenta
Una storia quasi solo d’amore, Feltrinelli
Avanti nella lotta, amore mio! di Piero Gobetti, Feltrinelli
Dialogano con l’autore il prof. Gianni Venturi e Fiorenzo Baratelli
CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI FERRARA
*L’evento si svolge in strutture accessibili o rese accessibili a norma del D.M. n. 236/89 sull’abbattimento delle barriere architettoniche

Una storia quasi solo d’amore, Paolo Di Paolo, Feltrinelli
E certo uno poteva aver visto nascere i fiammiferi e la locomotiva a vapore, il primo lampione a elettricità, il telefono, il televisore o il primo computer grosso come un comodino, ma nulla poteva essere più stupefacente di te, stasera, davanti a me. Si incontrano una sera di ottobre, davanti a un teatro. Lui, rientrato da Londra, insegna recitazione a un gruppo di anziani. Lei lavora in un’agenzia di viaggi. Dal fascino indecifrabile di Teresa, Nino è confuso e turbato. Starle accanto lo costringe a pensare, a farsi e a fare domande, che via via acquisiscono altezza e spessore. Al di là dell’attrazione fisica, coglie in lei un enorme mistero, portato con semplicità e scioltezza. L’uno guarda l’altra come in uno specchio, che di entrambi riflette e scompone le scelte, le ambizioni, le inquietudini. Tanto Nino è figlio del suo tempo (molte passioni spente, nessuna tensione ideologica), tanto Teresa, con il suo segreto, sembra andare oltre. Ostaggi di un mondo invecchiato, si lanciano insieme verso un sentimento nuovo, come si trattasse di un patto, di una scommessa. Accade sotto lo sguardo lungo e partecipe di Grazia, zia di Teresa e insegnante di teatro di Nino, attor giovane allo sbando. Proprio mentre crescono l’attesa e il desiderio, Grazia esce di scena, creando una sorta di “dopo” che rilegge l’intera vicenda di Nino e Teresa, il loro cercarsi là dove sono più profondamente diversi. Paolo Di Paolo entra nel teatro della contemporaneità cogliendo i segni di un bene inaspettato, di una luce che si accende dove smettiamo di esigere garanzie, dove viene voglia di mettersi alla prova. E di capire se siamo in grado di vivere.

Avanti nella lotta amore mio! di Piero Gobetti, Feltrinelli
Quando si pensa a Piero Gobetti si pensa soprattutto all’uomo politico, all’oppositore del fascismo. Morto a Parigi prima di compiere venticinque anni, Gobetti fu uno straordinario poligrafo.
Fondatore di riviste, animatore editoriale (pubblicò la prima edizione di “Ossi di seppia” di Montale), studioso, toccò con una scrittura duttile ed efficace i generi più diversi. L’abbozzo autobiografico e il diario, la critica teatrale (spesso ferocissima), la riflessione letteraria (da Dante ad Alfieri a Leopardi, da Verga a Marinetti), la ricerca sull’arte, con affascinanti studi su alcuni pittori tra Quattro e Seicento, il ritratto umano (Eleonora Duse, Giacomo Matteotti, il Mussolini delle origini), la scrittura di viaggio, il pamphlet politico, le lettere di lavoro, d’amicizia, d’amore. Paolo Di Paolo, che a Gobetti ha dedicato il romanzo “Mandami tanta vita”, raccoglie in questo volume una scelta delle “scritture” di Gobetti con l’intento di avvicinarlo a nuovi lettori. E di far riscoprire a chi lo conosce la vivacità dello stile, l’intensità della prosa di un ventenne di genio.

Paolo Di Paolo è uno scrittore italiano. Nel 2003 entra in finale al Premio Italo Calvino per l’inedito, con i racconti “Nuovi cieli, nuove carte”. Ha pubblicato libri-intervista con scrittori italiani come Antonio Debenedetti, Raffaele La Capria e Dacia Maraini. È autore di Ogni viaggio è un romanzo. Libri, partenze, arrivi (2007), Raccontami la notte in cui sono nato (2008). Ha lavorato anche per la televisione e per il teatro: “Il respiro leggero dell’Abruzzo” (2001), scritto per Franca Valeri; “L’innocenza dei postini”, messo in scena al Napoli Teatro Festival Italia 2010. Nel 2011 pubblica Dove eravate tutti (Feltrinelli, vincitore del premio Mondello, Superpremio Vittorini e finalista al premio Zocca Giovani), nel 2012 nella collana di ebook “Zoom” Feltrinelli La miracolosa stranezza di essere vivi.
Nel 2013 con Mandami tanta vita (Feltrinelli), è finalista al Premio Strega 2013.

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!