Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Castello Estense · 30 giugno 2016 · ore 20.30

I CANI + COSMO live @ Ferrara sotto le stelle 2016

I CANI - Niccolò Contessa

Dove

Castello Estense
Piazza Castello, Ferrara

Quando

da 30 giugno 2016 · ore 20.30

I CANI
Special guest: COSMO

30 GIUGNO 2016 – FERRARA
CORTILE DEL CASTELLO ESTENSE – FERRARA SOTTO LE STELLE

Apertura porte 19 30 – inizio concerti 20 30

 

BIGLIETTI:
dal 15 aprile al 2 maggio: 10 EURO + 1,50 d.p.
dal 3 maggio al 17 maggio: 13 EURO + 1,95 d.p.
dal 18 maggio: 15 EURO + 2,25 d.p.

 

PREVENDITE DISPONIBILI DA VENERDI 15 APRILE:
www.ticketone.it  e www.vivaticket.it

 

Più che un tour è una marcia trionfale, quella de I Cani.

L’Aurora Tour 2016 sta facendo registrare ovunque il tutto esaurito.

Le anteprime di Livorno, Milano e Roma sono state un successo sotto ogni punto di vista. E lo stesso si può dire delle prime tappe di questo nuovo giro primaverile: da Treviso a Napoli un sold out dopo l’altro, spesso fatto registrare addirittura in prevendita e che testimonia l’incredibile attenzione e affetto che il pubblico sta dedicando alla band-non-band capitanata da Niccolò Contessa, che si è confermato come uno degli autori più importanti e brillanti della sua generazione.
Ciliegina sulla torta: la candidatura al David di Donatello 2016 per la miglior canzone originale (Torta di noi), tratta da La felicità è un sistema complesso, il film di Gianni Zanasi, con Valerio Mastandrea e Giuseppe Battiston, di cui Niccolò ha firmato la colonna sonora originale.

I Cani non sono nient’altro che la band-non band capitanata da Niccolò Contessa, musicista romano che nel 2010 si era fatto notare pubblicando, in forma anonima, due canzoni su YouTube (I pariolini di diciott’anni e Wes Anderson) e che l’anno dopo, con l’uscita del “Sorprendente album d’esordio de I Cani” è stato al centro di un caso discografico senza precedenti nel panorama della musica indipendente italiana. Quello che è successo dopo è noto: esordio col botto, a sorpresa, nella top ten di iTunes; un tour quasi interamente sold out; fiumi di inchiostro (addirittura il popolare giornalista e scrittore Roberto Saviano ha definito le canzoni de I Cani: “Pura antropologia elettronica”) ed enormi dibattiti su Internet tra i fan adoranti e quelli che proprio non riescono a farsi piacere le loro canzoni. Ma è col secondo album, “Glamour” (2013) che I Cani hanno smesso di essere considerati un fenomeno passeggero e sono diventati una della realtà più solide della nuova musica italiana, confermando e amplificando gli insperati risultati dell’album precedente (di nuovo in classifica su iTunes, di nuovo in tour a colpi di sold out, copertina su Rumore insieme al popolare disegnatore Zerocalcare, ed esordio nella top 50 della classifica Fimi). Con “Glamour” (album co-prodotto da Niccolò Contessa insieme al compianto Enrico Fontanelli), I Cani hanno più che altro dimostrato di sapersi prendere dei rischi e non limitarsi a ricalcare una formula che funziona. Spiazzare il pubblico è da sempre una loro prerogativa; sorprendere, per I Cani, è quasi una regola. Il nuovo album è stato anticipato da un tweet del popolare conduttore radiofonico e televisivo Alessandro Cattelan all’inizio di ottobre del 2015, quando nessuno se lo sarebbe mai aspettato. A quell’annuncio sono seguiti due brani, Baby Soldato e Il posto più freddo, quest’ultima pubblicata senza neanche essere annunciata alla fine dello scorso novembre. E nonostante le due canzoni non svelino nulla del disco, è stato subito chiaro a tutti da quel momento che “Aurora” sarebbe stato un album completamente diverso da quelli che lo hanno preceduto. Fortemente influenzato anche dalle esperienze avute da Niccolò Contessa al di fuori della forma canzone (come nella colonna sonora originale da lui composta per “La felicità è un sistema complesso”, il film di Gianni Zanasi con Valerio Mastandrea presentato allo scorso Torino Film Festival) o in veste di collaboratore con altri musicisti (Niccolò ha seguito fin dal principio lo sviluppo di “Mainstream”, il secondo album di Calcutta, la vera grande rivelazione musicale italiana del 2015).I Cani hanno realizzato una raccolta di canzoni orgogliosamente decelerazioniste: i ritmi si abbassano, le strutture si dilatano, ogni elemento si prende il suo spazio. Come “Il sorprendente album d’esordio”, infatti, “Aurora” parte da un’idea di suono ben precisa e prova a declinarla in tutte le sue sfaccettature in un percorso lungo undici canzoni. Un percorso che dura come un viaggio che comincia alla mezzanotte e finisce all’alba e che fa convivere le melodie killer tipiche delle canzoni de I Cani (che si sono da sempre autodefiniti come l’ennesimo gruppo pop romano) con un approccio alla materia sonora che pesca dalla musica elettronica e si allontana completamente dal rock. Una scelta radicale anche per quanto riguarda la strumentazione usata: non c’è traccia di strumenti acustici, non ci sono batterie, o chitarre, ma solo sintetizzatori e drum machine. In “Aurora”, le canzoni di Niccolò Contessa acquistano sfumature nuove, inedite, dai tratti quasi soul senza perdere l’immediatezza che da sempre le caratterizza. E così, dopo avere raccontato – spesso anche involontariamente – le ansie e tic di una generazione che faceva fatica a scoprirsi adulta nel “Sorprendente Album d’esordio de I Cani”, l’io che cambia e combatte contro l’esposizione pubblica data da una popolarità ottenuta ma non inseguita in “Glamour”, arrivati a tagliare il traguardo del terzo album I Cani tornano a parlare di noi partendo dalla consapevolezza che non siamo altro che un minuscolo puntino nell’universo, e che la teoria della complessità, il comportamento emergente e la materia oscura possono essere un buon punto di partenza anche per descrivere la quotidianità di un individuo arrivato alle soglie dei trent’anni.

Cosmo (Marco Jacopo Bianchi) – meglio conosciuto in veste di leader dei Drink To Me, una delle band più solide ed apprezzate del nostro panorama underground – non ha paura di rischiare: la sua musica cerca di parlare un linguaggio nuovo, imbastardito dalle esperienze e dalla sperimentazione, facendo convivere una scrittura spiccatamente pop con un’attitudine che pesca a piene mani dall’universo della musica da club e che guarda senza timidezza anche a mondi all’apparenza lontanissimi e irraggiungibili. Le sue sono canzoni che si possono cantare a squarciagola, ma anche ballare senza sosta e senza prestare attenzione al testo. Oppure possono essere ascoltate nel silenzio di una stanza e arrivare dritte al cuore.

Il suo nuovo album si chiama “L’ultima festa”. Anticipato dal singolo Le voci, un vero e proprio manifesto estetico e sonoro, che gioca continuamente col contrasto tra realtà e sogno, delirio e concretezza, “L’ultima festa” amplifica i contenuti che avevano reso “Disordine” uno dei dischi più celebrati e interessanti del panorama italiano di questi ultimi anni. Nel nuovo lavoro, Cosmo ha provato a superare i suoi limiti, cercando di far convivere un approccio più diretto alla scrittura dei testi con una maggiore libertà nell’affrontare le trame musicali, sempre più inclini a lunghe fughe strumentali.

Nella data ferrarese, Cosmo affronterà la prova del palco con uno spettacolo del tutto inedito e diverso rispetto al passato. Con lui infatti ci saranno due musicisti che riproporranno in chiave live le sonorità molto elettroniche dell’album.


Informazioni al Pubblico:
FERRARASOTTOLESTELLE

www.ferrarasottolestelle.it

contact@ferrarasottolestelle.it

Tel: +39.0532.241419

 

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!