Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah – MEIS · 25 gennaio 2018 · ore 21.00

GIORNO DELLA MEMORIA 2018 – LE LEGGI DEL ’38: IL RAZZISMO E LO SPORT

Dove

Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah – MEIS
Via Piangipane 81, Ferrara

Quando

da 25 gennaio 2018 · ore 21.00

Info

Organizzatore:
Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

Le leggi razziste del 1938 hanno privato l’Italia dell’apporto dei suo ebrei in tantissimi campi della vita pubblica, compreso lo sport. Un tema purtroppo ancora molto attuale che giovedì 25 gennaio, alle 21, presso il bookshop del MEIS (Via Piangipane 81, a Ferrara), sarà al centro del dialogo tra due giornalisti: Stefano Lolli del “Resto del Carlino” e Adam Smulevich di “Pagine Ebraiche”.
Lo spunto sono i libri “Presidenti” (Giuntina 2017, fresco vincitore dell’ottava edizione del Premio Fiuggi-Storia, nella sezione “Biografie”), che proprio Smulevich ha dedicato alla vicenda di tre ebrei alla guida di squadre di calcio italiane, poi bollati dal fascismo come ‘indesiderati’, e l’inchiesta di Matteo Marani “Dallo scudetto ad Auschwitz, vita e morte dell’allenatore Arpad Weisz” (Aliberti, 2007).
“Presidenti” accende i riflettori su Raffaele Jaffe, che regalò a Casale un incredibile scudetto alla vigilia della Grande Guerra, Giorgio Ascarelli, fondatore del Napoli, e Renato Sacerdoti, che per primo fece assaporare ai tifosi della Roma il sogno tricolore. Tre protagonisti ‘scomodi’ del nostro calcio che, tra feroci ritorsioni postume, emarginazione e deportazione, furono vittime delle leggi razziali, fino ad essere quasi del tutto dimenticati.
Il lavoro di Marani riporta, invece, alla luce, dopo oltre settant’anni di ingiusto oblio, una leggenda del pallone: Arpad Weisz. Ungherese di origine ebraica, è stato il più giovane allenatore di sempre a vincere lo scudetto in Italia (nel 1930, con l’Inter). In seguito, alla guida del Bologna, ne conquistò altri due e riuscì a imporsi sugli inglesi del Chelsea, nel 1937. Ma le leggi razziali lo attendevano al varco: Arpad fu costretto a fuggire dall’Italia e, rifugiatosi prima in Francia e quindi in Olanda, venne catturato dalle SS e terminò i suoi giorni, con moglie e figli, nel più terribile dei lager nazisti.