Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Palazzo della Racchetta · 14 giugno 2014 - 4 luglio 2014

FERRARA ART FESTIVAL – AL VIA IL SECONDO CICLO DI MOSTRE

Dove

Palazzo della Racchetta
Via Vaspergolo 4/6, Ferrara

Quando

da 14 giugno 2014 · ore 05.00
a 4 luglio 2014

Info


Ingresso: gratuito

“INAUGURA SABATO 14 GIUGNO ALLE 17 IL SECONDO CICLO DI MOSTRE DEL FERRARA ART FESTIVAL”

FERRARA. Si rivela sempre più essere un festival “a ciclo continuo” il Ferrara Art Festival. Dopo l’inaugurazione, giovedì scorso, del collaterale Racket Festival, sabato 14 giugno alle 17 apriranno le tre mostre personali del secondo ciclo di mostre allestite a Palazzo della Racchetta.
Il rinascimentale palazzo che sorge nel centro di Ferrara ospiterà, infatti, le personali di Michelle Hold, Vito Carta e Angelo Conte, mentre prosegue, al secondo piano, Astrazione Odessa con le opere di tre artisti ucraini.
Blue Mood è il titolo che il curatore Virgilio Patarini ha scelto per la personale dell’artista tedesca Michelle Hold. Grazie ad un utilizzo calibrato e sapiente dei colori, infatti, l’artista crea un concerto cromatico, una “concertazione”, per dirla con il curatore, che crea canzoni, in un mix di ragione e sentimento, di scienza e di naturalezza.
Il milanese Vito Carta propone le sue Illusioni di una memoria infedele, in cui le immagini inquiete che affiorano nella luce cangiante della memoria dell’artista divengono fotogrammi mutevoli di un tempo passato. In una sorta di gioco delle parti in cui le immagini sembrano avvicinarsi per poi, invece, sfuggirci, in una sorta di ambiguità continua, perchè, per dirla con Patarini “Vito Carta sa bene che la memoria è una  compagna infedele  che mente con abilità, ma spesso nei suoi inganni, nelle sue bugie si nascondono rivelazioni spiazzanti e realtà insospettabili. E l’artista, come un giocoliere, usa l’inganno e la menzogna per raccontarci la verità.
Le Allegorie di Angelo Conte sono narrazioni allegoriche in cui assistiamo alla luce della Ragione, ad una messinscena talvolta grottesca, dove ogni elemento ha una funzione simbolica. Nè Sogno nè Contemplazione dunque ma Allegoria, come nella migliore tradizione letteraria del Trecento (Dante) o pittorica dal Medioevo al Barocco.
All’ultimo piano del palazzo, inoltre, prosegue la mostra Astrazione Odessa in cui la tragedia ucraina è letta e declinata attraverso una sorta di ruolo politico dell’arte dell’astrazione, grazie alla pittura di Sergei Paprotskiy, Igor Vareshkin e Lyudmila Vasilieva.
Le quattro mostre di questo secondo ciclo del Ferrara Art Festival proseguiranno fino al 3 luglio prossimo e sono visitabili tutti i giorni dalle 15 alle 19. Ingresso libero.
Catalogo Editoriale Giorgio Mondadori.

Per ulteriori informazioni: http://ferraraartfestival.jimdo.com

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!