Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Le case Cavallini Sgarbi di Rina Cavallini · 7 ottobre 2016 · ore 18.00

Ariosto e la casa della vita

Dove

Le case Cavallini Sgarbi di Rina Cavallini
Via Giuoco del Pallone 31, Ferrara

Quando

da 7 ottobre 2016 · ore 18.00

Venerdì 7 ottobre
Ore 18:00
L’evento si svolgerà presso Le case Cavallini Sgarbi di Rina Cavallini- via Giuoco del Pallone, 31
In occasione dei 500 anni dalla prima stesura dell’Orlando furioso

Nuccio Ordine in Le donne nell’Orlando furioso
Vittorio Sgarbi con Lettura tumultuosa dell’Orlando furioso tra parole e immagini
Concerto L’Orlando furioso evocato al pianoforte da Antonio Ballista

Introducono Elisabetta Sgarbi (Presidente della Fondazione e Editore La Nave di Teseo), Tiziano Tagliani (Sindaco di Ferrara) e Marco Bertozzi (Direttore dell’Istituto di Studi Rinascimentali di Ferrara)

In collaborazione con l’Università degli Studi di Ferrara

Caterina Cavallini Sgarbi (1926-2015), per tutti “la Rina”, ha percorso le tappe della sua vita, non breve, fortunata, sempre in crescendo, prodigiosamente, fino a quasi la fine dei suoi giorni. Da quando, gratificata da una bellezza quasi sfron¬tata e da una vitalità contagiosa, apprende accanto al padre, imprenditore edile, le regole del mercato. La brillante laurea in farmacia, il matrimonio con Nino Sgarbi, l’acquisizione della bella casa con inclusa farmacia di Ro, la maternità avrebbero potuto rappresentare per chiunque un soddisfacente punto d’arrivo. Non per la Rina. Poco tempo dopo, in occasione di un concorso, non si sottrae a un temerario confronto scientifico con il presidente della commissione e conquista un’altra farmacia alle porte di Milano. Nelle sue lunghe trasferte da pendolare lungo la pianura padana, avrà pensato che all’educazione dei figli, in particolare del primogenito Vittorio, avrebbe sopperito la trasmissione genetica, come poi vistosamente confermato. (La piccola Elisabetta si sarebbe rifugiata in una prov¬videnziale autarchia).
Una volta cresciuti i figli e partiti per la loro strada, il ruolo della mamma si riduce per lo più a una presenza affettiva. Non per la Rina, che vede la sua casa trasformarsi, nel giro di vent’anni, in un importante, denso museo, e lei in prima linea, in contatto con Vittorio, a battere alle aste internazionali, a trattare con anti¬quari e mercanti, a viaggiare il mondo, incontrando anche capi di stato non sempre ineccepibili. Una casa che Vittorio ed Elisabetta occupano di tanto in tanto con schiere di amici scrittori, artisti, intellettuali, da Moravia a Zeri, da Montanelli a Coelho, rinnovando la tradizione del tempo in cui gli ospiti erano Bassani e Zurlini con lo zio Bruno Cavallini. E la Rina sempre pronta anche nel ruolo della azdora, di impareggiabile padrona di casa.
La Rina aveva passioni immuni allo scorrere del tempo. Una di esse era la casa dove era cresciuta, acquistata all’indomani della guerra da suo padre, e dove la Rina partorì sua figlia Elisabetta, la casa di Via Giuoco del Pallone 31. Una dimora che già fu dello zio dell’Ariosto, dove il poeta compose le sue prime commedie e i suoi primi drammi e, soprattutto la prima edizione (1516) dell’Orlando furioso, di cui quest’anno ricorrono dunque i 500 anni. Del tempo dell’Ariosto rimangono ancora tracce, alcuni affreschi attribuiti a Dosso Dossi. La Rina amava ritornare in Via Giuoco del Pallone, così che ora questa dimora – parte della Fondazione Elisabetta Sgarbi – in memoria viva e palpitante della Rina, ha preso di lei il nome: Case Cavallini Sgarbi di Rina Cavallini. Mario Andreose

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!