Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.
Portomaggiore (Fe), Piazzetta ex Duomo · 19 settembre 2014 - 21 settembre 2014

ANTIRUGGINE – Antica Fiera di Portomaggiore 2014

Dove

Portomaggiore (Fe), Piazzetta ex Duomo

Quando

da 19 settembre 2014 · ore 17.00
a 21 settembre 2014 · ore 23.00

Info

Organizzatore:
Ivo Giammetta

E’ con enorme piacere ed entusiasmo che annunciamo la terza edizione di Antiruggine all’interno dell’antica fiera di Portomaggiore, uno spazio di arte, svago e ristorazione realizzato attraverso il riciclo creativo di materiali di scarto.

Arte, cultura ed ecologia sono i temi chiave di questo progetto nato dall’interesse comune tra Ass.arci BDC Skaters Eventi, ormai nota per la realizzazione di concerti ed eventi artistici mirati all’aggregazione giovanile, e il Comune di Portomaggiore nell’intento di promuovere un’ idea di spazio urbano sostenibile, a misura del cittadino in cui la partecipazione alla vita della comunità permette di recuperare una dimensione più umana dei luoghi in cui viviamo.

Come nell’edizione passata pallet, bancali e bobine riprendono vita e trasformano la Piazzetta Duomo in un area accogliente e suggestiva attraverso nuove forme di allestimento generate da elementi che altrimenti verrebbero considerati rifiuti.

L’obiettivo è quello di valorizzare e ampliare il concetto di riciclo attraverso la forza dell’impatto visivo quando questo è realizzato in modo artistico e creativo.
Nello spazio “Antiruggine” da orario aperitivo in poi,verranno servite alcune tra le migliori birre artigianali della zona,birre speciali,ottimi vini ecc ecc.
Il tutto accompagnato da un buffet realizzato con fantasia e attenzione per la tradizione culinaria locale; il tutto con un sottofondo musicale a 360 gradi scelto dai dj più attivi e ricercati dai club della zona per riuscire a soddisfare anche i palati musicali più esigenti.

Il tutto,ha ancora come cornice musicale,dj set ricercati e selezionati e un live d’eccezione anche quest’anno.

Sempre in partnership con Idrovinicola Estense, birre artigianali e prodotti locali di qualità saranno accompagnati da un cartellone di eventi più ricco rispetto alla scorse edizioni!

Qui il programma dettagliato di questa edizione 2014 :

– Venerdì 19 –

– Paogo Ameschi dj set –

( http://www.mixcloud.com/MeatMeetMeat/ )

Paogo Ameschi è un connubio di personaggi dalle varie personalità, un duo che è uno e trino, una figura eclettica che si muove nel panorama musicale locale e non. Nasce dall’esigenza di non aver esigenze, e per questo si destreggia sotto diverse forme e generi, spaziando dal rock più genuino in seguito alla sua residenza all’appuntamento mensile del Rock In Town al Renfe, scrivendo boiate sul suo blog Musicaggini su Estense.com, disorientando gli avventori di Zuni mettendo alla prova i loro Shazam con i mashup del Porcoddisco. L’esperienza maturata sotto altre identità, come figura creatrice di festicciole come Urban Disorder e Meat, nonché presenziatore d’aperture per i concerti di Ferrara Sotto Le Stelle, senza dimenticare le insensate esperienze radiofoniche a ReteAlfa e le multimediali comparsate al Coolander, fanno di questo plurimo individuo un simpatico propositore musicale, dal quale non si sa mai cosa aspettarsi; di sicuro se ne esce sempre col sorriso sulla bocca e i muscoli scaleni, tensori e flessori radiali leggermente indolenziti dall’irrefrenabile desiderio di danzare moderatamente o nella peggiore (o migliore, dipende dai punti di vista) delle ipotesi, di scatenarsi visceralmente.

– Sabato 20 –

– Presentazione del libro “Non ti divertire troppo” – + dj set –
Pagina evento e info qui :
(https://www.facebook.com/events/266620626867898/?notif_t=plan_user_joined )

“Non ti divertire troppo” è un libro sui ricordi, un libro sulla bellezza dell’adolescenza, sul come si stava bene, ma è anche il racconto di un genere e di quello che ci ha lasciato, un omaggio sentito ad una generazione di musicisti. Giovani e meno giovani, addetti al lavoro e semplici appassionati, tutti uniti dalla passione per un genere, un periodo, un canone stilistico hanno dato la loro lettura alla storia del loro gruppo del cuore, chi in modo più monografico e nozionistico, chi in modo del tutto personale. La musica alternativa americana vista da qui, dalla provincia dell’impero, dove forse, non ha davvero mai attecchito, ma a quei pochi a cui è entrata in testa, ha dato nuovi stimoli.

Non ti divertire troppo non è la risposta italiana a “our band could be your life”, non parla di “indie” (quasi tutti i gruppi qui citati hanno avuto un contratto major) non racconta la storia di questi gruppi, racconta storie collegate, collegabili, a volte del tutto collaterali ai gruppi che danno il titolo ai racconti
La scelta dei gruppi presenti è stata lasciata al caso, o meglio al “gusto e alla passione” di chi ci ha scritto. Non c’è stato nessun discrimine, a parte il periodo storico, gli anni ’80 e ’90 e il luogo, gli U.S.A.. Le eventuali esclusioni riguardano lo spazio previsto, “non ti divertire troppo” non è un’enciclopedia, è una serie di racconti. L’alternative americano è un contenitore enorme di sotto generi, dall’hardcore al college rock, al post hardcore e le sue ramificazioni, lo slow core, il post rock, l’emo, qui c’è dentro tutto, senza distinzione, faceva tutto parte di un qualcosa che per un certo momento è stato un unicum, seppur con derive e radici profondamente diverse, mescolanza di istinti, evoluzioni di sensibilità.
Non è poi così difficile no? Raccontarsi, raccontando il proprio gruppo preferito, la propria esperienza con la musica, quasi sempre un momento di formazione e crescita, ogni nuova canzone che ascoltiamo è un tassello in più di un puzzle che abbiamo cominciato a completare, chi più e chi meno, tempo fa.
Quanto tempo fa la parola indie ha perso il suo significato? Non me lo ricordo, però mi ricordo quando la parola “alternativo” ha perso il suo, sparendo dalle bocche della gente, dalle penne dei giornalisti. Era il 1995 più o meno, il brit pop era pronto a conquistare il mondo e il rap a prendersi il posto che cercava, per i gruppi americani di frontiera era tornato il tempo di tornare nelle retrovie, nuovamente.
Questo libro racconta questo, gruppi persi, generi a volte dimenticati, che però hanno cambiato un sacco di vite”.

– Domenica 21 –
– PeeDoo dj set – HELL YEAH recordings) –

(https://soundcloud.com/tags/peedoo)

Marco “Peedoo” Gallerani, classe 1974, nasce artisticamente al Link di Bologna, dove per quattro anni è stato fra i DJ resident.
Considerato uno dei “pionieri” della scena breakbeat italiana, mantiene nella selezione musicale dal rock al funky, techno, house e hip-hop fra le influenze, la sua prerogativa principale. Nel 2006 fonda Hell Yeah, etichetta discografica impegnata nella musica elettronica, portandola a vincere nel 2010, lo speciale Premio 2061 come miglior label italiana di sempre devota alla divulgazione della musica elettronica italiana di qualità nel mondo.

– Lunedì 22 –

– ZEUS – in concerto .

Pagina evento :
( https://www.facebook.com/profile.php?id=1467300186890467&ref=ts&fref=ts )

Dopo la felice esperienza dell’anno scorso con Giorgio Canali sul nostro palco, quest’anno avremo il grandissimo piacere di avere ospiti gli Zeus!, un duo formato da Luca Cavina (Calibro 35, Craxi, Incident on South Street) al basso elettrico e da Paolo Mongardi (Fuzz Orchestra, Ronin, FulKanelli, ex Jennifer Gentle) alla batteria distorta.
Il gruppo, dopo il successo dell’omonimo disco d’esordio è tornato a dispensare le sue pillole – questa volta ne contiamo undici – di micro‐violenza controllata, figlie di una cultura sospesa tra estremismi Metal / Punk e propedeutiche visioni Prog, elementi condensati nel loro secondo album, Opera. Algebra del bisogno, pret‐a‐porter dell’isteria collettiva, “Opera” infligge ferite dal profondo, senza mai sacrificare un briciolo di originalità ed immediatezza.

Vi si aspetta in massa per un altra edizione di Antiruggine che lascerà il segno!

Manca qualcosa? Stiamo cercando di conoscere tutte le realtà della città per aggiungerle al nostro calendario ma puoi aggiungere il tuo comunicato o segnalazione direttamente da questa pagina: www.listonemag.it/eventi/segnala

Per ogni dubbio o richiesta di chiarimento puoi scriverci a questo indirizzo: eventi@listonemag.it. Grazie!