Tutti gli articoli di Florio Piva

I dancing a Ferrara del dopoguerra: dalle orchestrine, al Panfilio e Carla Boni

Escludendo, per forza di cose, locali e circoli dove si accedeva solo su invito o se eri socio, noi ragazzi, pieni di entusiasmo per il ballo e le feste, discutevamo […]

Gli alberi di Corso Isonzo e il Giardino dadrè da la Spal

Corso Isonzo oggi sembra un parcheggio permanente di auto, quasi tutte all’ombra grazie alla doppia fila di platani fiancheggianti la sede stradale, sopra le aiuole longitudinali che delimitano i controviali. […]

Lo spostamento del ponte ferroviario di Pontelagoscuro

Prima che Pontelagoscuro fosse cancellata dalle bombe, era la meta di tutti coloro che alla domenica desideravano fare la classica passeggiata in bicicletta: argine del Po, qualche “mandolino” e ritorno. […]

Il rifugio antiaereo sotto piazzale Giordano Bruno

Il Piazzale Giordano Bruno oggi è una zona verde attraversata da vialetti asfaltati, inerte spazio, per fortuna salvato dal cemento. Forse in pochi ricordano che tantissimi anni addietro proprio in quest’area fu […]

Ferrara amarcord: il tugurio di Mortara 70, rifugio degli ultimi

Recentemente in Via Gustavo Bianchi è stato inaugurato un grazioso complesso di edilizia popolare dalle autorità cittadine, così mi è tornato in mente della passata esistenza di una piaga cittadina, nota ai ferraresi […]

Quando a Ferrara c’era la filovia

Le prime immagini della mia città che riesco a ricordare sono quelle di un bellissimo ambiente, che i miei genitori mi descrivevano con pazienza e precisione. I bambini imparano in […]

Il giorno che la Principessa Maria Josè venne a Ferrara

Eravamo nel 1939 e alla scuola Polederelli venne spiegato cento volte che tutti i ragazzi di ogni scuola ferrarese avrebbero preparato una manifestazione in onore della Principessa di Piemonte, Maria […]

La Fràra d’na volta: il dazio sul vino e le ballerine di boogie-woogie

Proseguendo la mia passeggiata immaginando di essere ancora tra il 1939 e il 1942, cerco di ricostruire nella mente l’immagine di Corso Isonzo di come era in quel tempo. Il […]

Corso Isonzo, il bruzant e le storie da bar della Ferrara del dopoguerra

Vivo lontano dalla mia Ferrara, ma vengo spesso a rivangare la mia gioventù in questo luogo stregato, attraente come un vortice. Percorro a piedi così le strade e inizio il […]

I bombardamenti su Ferrara del 29 dicembre del ’43

La città è, già da tempo, purtroppo avvezza agli allarmi aerei, che si verificano anche più di una volta al giorno. Anche oggi, pur essendo un giorno pieno di nebbia, […]